Voglio dedicare questa poesia scritta da mio figlio Salvatore nel 1995 a tutti i nostri amici ed augurare loro un Buon Natale ed un felice Anno nuovo

 

 

 

 

‘O BAMBINO Gesù’

Oje Gesù , ca staje llà ncoppa e ce manne ‘e benerezione,
ogge festeggiammo ‘a nasceta toja,
e ce magnammo ‘o panettone
e c’arrecriammo.

E ce strignimmo cchiù forte ca putimme,
pecchè oggi è nu jomo speciale pe nuje e pe Tel

E pe I’aria se sente nu suono ‘e ciaramelle e zampogne, rummure ‘e tricchi tracche e addore ‘e bengala,
tutte pe fà festa.

pure si stu jome è sempe bello, però …
ce stanno certi famiglie ca so ntossecano, pecchè teneno certi problemi,
ca l’anna suppurtà pure ‘e ‘sti jorne.

Penzamme ‘e criature d’a Bosnia
ca stanne mieze ‘e guaje,
e pe loro nun è nu jorne speciale comma è pe nuìe,

s’adda tenè nu poco ‘e rispetto
pe’ chella gente ca soffre;
e nun amma penzà sule ‘a nuje c’avimma festiggià, ma almeno
ogge penzammo nu’ poco ‘chi sta peggio ‘e nuìe.

 

Natale 1995

Salvatore Galario
Scuola media Gobetti, Quarto
I” /B

Facebook Comments