Terralba, una “Napoli nel mondo” è stata devastata da “Cleopatra”.Terralba, una “Napoli nel mondo” è stata devastata da “Cleopatra”.

Terralba, una “Napoli nel mondo” è stata devastata da “Cleopatra”.Terralba, una “Napoli nel mondo” è stata devastata da “Cleopatra”.

Apprendiamo dal sito http://www.agi.it che Terralba, una delle Napoli nel mondo inserite nel nostro sito in quanto l’antica denominazione di questa cittadina era Neapolis , una delle più antiche e importanti città della Sardegna, è stata devastata  dal ciclone Cleopatra. Riportiamo il testo integrale dell’articolo:

< “(AGI) – Oristano, 19 nov. – Sono quasi una trentina le persone che questa notte a Terralba, nell’Oristanese, hanno trovato rifugio nei locali della scuola elementare e della casa delle associazioni, dopo il provvedimento di evacuazione scattato ieri a tarda sera con l’esondazione del Rio Mogoro. Tantissimi gli abitanti che hanno ricorso all’ospitalità di amici e parenti. Complessivamente l’operazione ha interessato, infatti, un migliaio di persone, residenti principalmente nella via Rio Mogoro e in viale Sardegna. “Molte persone che hanno voluto trascorrere la notte in casa, stamane, invece, hanno chiesto asilo”, ha spiegato il sindaco di Terralba Pietro Paolo Piras. “Ci stiamo adoperano per sistemarle. Nella notte il livello del Rio Mogoro è sceso considerevolmente. Adesso l’acqua arriva dalle campagne circostanti l’abitato. E stata interessata anche la zona di Piazza Libertà, via Coghinas e via Tirso, dove da alcune ore cominciano a registrarsi nuovi allagamenti. Gli edifici allagati sono numerosi. In alcuni scantinati l acqua raggiunge i tre metri. Il dispositivo di soccorso, comunque, sta operando con ordine. (AGI) .”> http://www.agi.it

Ai cittadini di Terralba va tutta la solidarietà della nostra associazione

http://www.napolinelmondo.org/public/wp/index.php/italia/terralba/

Tour de France e.. NapoliTour de France e.. Napoli

Tour de France e.. NapoliTour de France e.. Napoli

Ai tanti “Professori” di CICLISMO, che criticarono Napoli per la tappa di apertura del GIRO d’ITALIA, parlando di cadute per le buche, mentre erano dovute alla carreggiata stretta, alla velocità ed alla leggerezza de materiali ciclistici che basta poco per favorirle, alla “gran boucle”, il top del ciclismo mondiale, organizzato alla perfezione, secondo i…nostri cugini transalpini, caduta ieri a pochi Km. dal traguardo, pullman, fermo sul traguardo, sbloccato in tempo quando si pensava di accorciare di 3 Km. la gara. Oggi cane che invade la carreggiata, mentre arriva il gruppo per la volata sul traguardo con un rischio da brivido !!!!!! 
E…allora NON succede solo e tutto a Napoli, carissimi !!!!!!!!

Articolo postati da Mimmo Tiseo su facebook

ABU MAZEN, CITTADINO ONORARIO DI NAPOLI E POMPEI ABU MAZEN, CITTADINO ONORARIO DI NAPOLI E POMPEI

ABU MAZEN, CITTADINO ONORARIO DI NAPOLI E POMPEI ABU MAZEN, CITTADINO ONORARIO DI NAPOLI E POMPEI

Il presidente dell’Autorità nazionale palestinese Abu Mazen ha ricevevuto la cittadinanza onoraria di Napoli, a conferirgliela è stato il sindaco di Napoli Luigi De Magistris con una cerimonia tenutasi a Palazzo San Giacomo, ed ha ricordato, nel discorso tenuto, che Napoli è gemellata con   Nablus, cittadina della Cisgiordania.
Poi a Pompei il sindaco della cittadina , Claudio D’Alessio, ha  consegneto ad Abu Mazen le chiavi della città, poi il Presidente si è recato in visita agli Scavi archeologici. Nel pomeriggio  infine, nella Maison de la Mediterranee, in via Depretis, a Napoli,ha ricevuto il premio Mediterraneo 2013 – edizione speciale assegnatogli dalla Fondazione Mediterraneo;nella motivazione si legge che Abu Mazen «è stato l’artefice del dialogo nella costruzione del difficile processo di pace tra Israele e Palestina». Il presidente Abu Mazen si è detto di essere lieto e onorato di essere qui a Napoli.” I napoletani amano la pace e la fratellanza. C’è armonia tra loro e il popolo palestinese”. “I nostri caratteri sono simili”, ha affermato Abu Mazen parlando dei cittadini napoletani e del popolo palestinese e ribadendo il suo <grazie a tutto il popolo italiano per il sostegno alla causa palestinese>. L’Italia, ha ricordato il leader dell’Anp, ” è stata tra i primi Paesi a sostenere il riconoscimento della Palestina”. De Magistris ha ribadito il suo impegno per il riconoscimento di uno stato palestinese e che: “”Napoli e’ città’ di pace, di culture e religioni nel suo discorso. Il sindaco ha sottolineato che Napoli ”non conosce razzismo e intolleranza. Per noi il diverso e’ una ricchezza e non un pericolo ”.

Come aiutare la ricostruzione di Città della Scienza

Per tutti coloro che vogliono contribuire alla ricostruzione della Città della Scienza, possono farlo nei seguenti modi.

SMS SOLIDALE al numero 45599

Il valore della donazione sara’ di 1 euro per ciascun sms inviato da cellulari Tim, Vodafone, Wind, 3, CoopVoce e Noverca. Sara’ di 2 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb, TeleTu e Twt”.

BONIFICO BANCARIO intestato a Fondazione IDIS – Città della Scienza

IBAN IT 41 X 01010 03497 100000003256 – causale Ricostruire Città della Scienza

Seguendo il Video

httpv://youtu.be/oXixxyYaPeI

Per maggiori informazioni visitate la pagina

http://www.cittadellascienza.it/notizie/ricostruiamo-citta-della-scienza/

Grazie a tutti.

Città della scienza, conto correnteCittà della scienza, conto corrente

Si invitano tutte le emittenti nazionali e campane, nonché le Associazioni, gli artisti a voler organizzare mnifestazioni atte a  raccogliere fondi per la ricostruzione di Città della Scienza. Le emittenti televisive e rdiofoniche a voler fare pubblicità gratuita invitando a contribuire alla ricostruzione.

Per contribuire alla ricostruzione di Città della Scienza è disponibile il conto corrente, intestato a Fondazione Idis Città della Scienza – IBAN IT41X0101003497100000003256 – causale Ricostruire Città della Scienza – questo è l’unico conto corrente dove esprimere il vostro sostegno – grazie di cuore

Un Aiuto Subito – Città della Scienza

lettera inviata alla redazione di La7

A.C.A. della Redazione del TGla7
A.C.A. del Direttore Enrico Mentana
Gentilissimi, vi scrivo per chiedere il vostro aiuto e il vostro impegno per aiutare Napoli ed i suoi cittadini in questo momento di forte dolore.
L’incendio della Citta della Scienza lede la vita, le coscienze e le speranze non solo dei napoletani, ma del popolo italiano che ama la cultura e le scienze in particolare.
Vi esorto a riflette per un vostro impegno in una iniziativa che, già in passato avete condotto con serietà, trasparenza e grande successo.
Sarebbe un segnale importante della società civile contro coloro i quali per dolo o negligenza hanno prodotto questo immenso disastro.
Vi ringrazia anticipatamente per l’attenzione che vorrete dare alla presente, sperando di leggervi presto.
Cordialmente.