Calcio

il Napoli si conferma a Bergamo,orav tocca a DE Laurentis

Il Napoli vince a Bergamo contro l’Atalanta per 1-3. La squadra azzurra, pur avendo meritato la vittoria, ha sofferto -in particolar modo- nel corso del primo tempo. Gli orobici hanno attuato un pressing asfissiante nei confronti degli azzurri che non sono stati in grado di sviluppare il solito gioco contraddistinto dal continuo possesso palla, dalla manovra corale e da altre peculiarità che hanno sempre contraddistinto le manovre studiate da Maurizio Sarri. Lo stadio Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo è un campo ostico per tutte le squadre e la compagine partenopea ha -nel corso degli anni- più volte lasciato l’intera posta in palio ai calciatori bergamaschi. MOLTA STANCHEZZA TRA I CALCIATORI DEL NAPOLI- Molti giocatori azzurri denotano una latente stanchezza dopo questa prima parte di stagione molto impegnativa che li ha visti protagonisti su sui tre fronti: il Campionato, la Coppa Italia e l’Europa League. Allan avrebbe bisogno di un sostituto per poter alternarsi in un normale e necessario turnover. Hamsik, nonostante il proficuo cambio di ruolo rispetto allo scorso anno, non ha ancora dimostrato la necessaria continuità per poter -da calciatore e capitano- guidare il Napoli verso grandi traguardi. Insigne, talento puro del calcio napoletano, pecca molte volte di eccessiva individualità forzando il tiro in porta anche da posizioni impossibili. I MERITI DI SARRI- Sarri, ha costruito una squadra in modo pragmatico secondo le sue notevoli e valide concezioni sul calcio giocato ed il merito dei risultati ottenuti dal Napoli sono essenzialmente suoi. Il tecnico toscano ha portato una ventata di novità nel calcio italiano, il suo lodevole e continuo lavoro sta producendo i frutti desiderati dalla ”piazza”napoletana. TOCCA ORA A DE LAURENTIISAurelio De Laurentiis non puo’ perdere, ancora una volta, la favorevole occasione per competere con le big del campionato italiano alla conquista del titolo tricolore. In altre precedenti stagioni -che vedevano un Napoli competitivo al massimo nel mese di dicembre- nulla o poco è stato fatto nel mercato invernale di gennaio per dotare l’organico azzurro di ulteriori rinforzi affinchè la squadra partenopea non venisse etichettata come”eterna incompiuta”. I TIFOSI CHIEDONO TRASPARENZA- Il popolo napoletano chiede solo trasparenza e non promesse che non trovano il giusto riscontro al termine dei tornei disputati. Se il presidente ritiene opportuno che gli obiettivi possono essere raggiunti con l’attuale rosa a disposizione di Sarri, la tifoseria ne prenderà atto, ma dovrebbe almeno informare quali sono i reali obiettivi della dirigenza. L’importantissima vittoria del Napoli a Bergamo, oltre a permettere agli uomini di Sarri di restare nei ”quartieri nobili” del calcio nostrano, dovrà far riflettere la società. Non inganni il punteggio che, alla fine del match, poteva anche assumere le forme di una goleada. Il primo tempo è stato giocato come precedentemente descritto. Nella ripresa, il Napoli ha giocato un pochino meglio. In 10, per l’espulsione Jorginhoavvenuta al 29° s.t, -come molte volte accade per tutte le squadre- la formazione partenopea ha avuto una notevole reazione ed ha meritato pienamente -solo da quel momento- la vittoria. NESSUN VOLO PINDARICO- Facile risvolto di una partita che potrebbe far esaltare i tifosi e la dirigenza napoletana, facendo loro perdere di vista le difficoltà del campionato italiano. Attendendo sviluppi futuri a livello di mercato, ilNapoli, anche nel match disputato a Bergamo, nonostante tutte le considerazioni fatte in precedenza, resta una compagine di notevole livello avendo sopperito alla stanchezza dei giocatori, alle difficoltà che si incontrano contro la squadra orobica ed alla inferiorità numerica con un carattere che fan ben sperare i supporters partenopei per il futuro.  Vincenzo Vitiello DE Laurentiis in primo piano 1234567

I commenti sono chiusi.