Tavuto – tauto

Tavuto – tauto

Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate:  Tavuto - tauto Tavuto (o anche Tauto): bara, cassa mortuaria. La parola è quasi in disuso, e seppur macabra ha bisogno di essere menzionata, pochi sanno che essa è una delle parole napoletane che non derivano né dal...

leggi tutto
Franfelicco , franfelliccaro.

Franfelicco , franfelliccaro.

Il franfellicco termine deriva dal francese fanfreluche che identifica lo stesso genere merceologico; a sua volta, deriva dal latino “fanfaluca”. Al plurale sono detti ‘e fanfrellicche e sono bastoncini zuccherini, negli USA, sono i Candy Canes, quei famosi bastoncini...

leggi tutto
trubbèja, trubbea

trubbèja, trubbea

Trubbèja ( o trubbea, più decisamente corretta la prima) deriva dal greco tropaia  e poi dal latino tropaei (venti marini), sta a significare temporale con vento e tuoni. A Napoli si soleva, e si suole, dire:” ‘a trubbèja d’’e cerase” ovvero di un temporale tipico di...

leggi tutto
Struscio, ‘O Strùscio e la zuppa di cozze

Struscio, ‘O Strùscio e la zuppa di cozze

Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate: Struscio, ‘O Strùscio Le tradizioni del Giovedì Santo a Napoli Lo struscio e la zuppa di cozze Dal dizionario Treccani: Strùscio s. m. [der. di strusciare]. – 1. A Napoli, il passeggio in via Toledo e via Chiaia, in...

leggi tutto
O Basso, ‘O Suttanino, ‘O Suttaniello

O Basso, ‘O Suttanino, ‘O Suttaniello

‘O Basso, ‘O Suttanino, ‘O suttaniello Trattasi di indumenti femminili quasi un disuso o poco usati in tempi recenti; il basso (‘o basso) era riferito alla gonna, il suttaniello , dal latino sutanus riferito alla sottana o sottovesta. Lo stesso dicasi per...

leggi tutto
Ascià’, J’ ASCIANNO

Ascià’, J’ ASCIANNO

Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate: Ascià’, J’ ASCIANNO  Ascià’ (asciare): cercare, ritrovare; J’ ascianno ovvero j(re) asccianno: andare alla ricerca Il verbo deriva dallo spagnolo Hallar, che si pronuncia ajar da cui asciar. Questo modo di dire è...

leggi tutto
Caccavella

Caccavella

Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate:  Caccavella Il termine sta ad indicare tre cose, il primo è uno strumento culinario (da cucina), il secondo indica uno strumento musicale ed il terzo ad un prodotto commestibile. Andiamo per gradi, il nome ha...

leggi tutto
Cufenaturo

Cufenaturo

Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate: Cufenaturo: recipiente usato per lavare i panni ( la culata) Come la parola cuofeno o cuofano, anche il cufenaturo deriva da latino cophinus. Il cufenaturo vero era un grosso recipiente di terracotta (vedi foto), poi...

leggi tutto

Traduci

Adsense

Siti Amici

advertisement advertisement advertisement

Articoli recenti

Strade di Napoli