Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate:

‘NFROMME e  CUNFROMME

Sono entrambi avverbi e sono la stessa parola, ‘nfromme è la forma abbreviata ed   aferizzata (ovvero scritta con l’aferesi)  di cunfromme= appena che, non appena, nel mentre.

Questi due termini li troviamo in due poesie di due grandi napoletani;

  • Cunfromme nella poesia di Eduardo “vuò vedè

< Vuò vedè ca cunfromme me ne vaco,

tu me vuo’ bene cumme ll’ata sera,

e rieste, cumm’ ‘a me, felice e allera,

pecchè sai ca si parto, resto ccà?

Ccà resto, ‘o ssaie: sto ccà. Pure si a vita

me porta a n’ata parte…

E me fa pena tanta e tanta gente

ca quanno parte, ‘o vero se ne va.>

 

  • ‘Nfromme nella poesia “Testamento” di Nicolardi

<Quanno mor’io, chiagnìteme

nu quarto d’ora e basta.

Che m’atterrate all’ùnnice?

Salute e bbene! ‘e ddoie menàte ‘a pasta (omissis)…

…(omissis) E si accummencia a chiovere

nfromme se move ‘o carro?

Madonna chili priévete!

Ggiesù chili cumpagne c’ ‘o catarro! (omissis)…>

Facebook Comments