Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate:

Sbertecellà, sbertecellato, sbertecellaie 

Il verbo sbertecellà (sbertecellare) significa sviar di mente, andare fuori di testa, quindi sbertecellato sta per qualcuno che è andato fuori di testa, lo stesso dicasi per sbertecellaie.

Si considera derivare dal latino vertex-verticis = vertice, testa, capo

La parola  sbertecellje è scritta nella poesia “’E ttasse” di Eduardo Nicolardi, celebre poeta partenopeo (1878-1954) già citato per altre citazioni di parole “rare” usate oggi nella lingua napoletana

<‘E TTASSE.

Pàtemo è muorto pazzo. Pe’ nu niente.

Pe’ bbia d’ ‘e ttasse se sbertecellaie.

Pavava e riclamava eternamente;

ma deva sempe e nun aveva maie!

— Capuffì…..ma comm’è…..tenite mente……

Ccà m’ite miso ‘int’a nu mare ‘e guaie…..

— Voi che dite? Se qua è così evidente!

E ‘o capuffiggio piglia e ‘o ddimustraie.

— “Tanto….più tanto…..più tre volte tanto….

(come vedete, qua sta tutto scritto….)

moltiplicando tanto…..più altrettanto, più tanto, forma tanto.

E’ naturale!”

Fuie tanto naturale, v’aggio ditto,

ca è muorto a ‘o Manicomio Provinciale.>

https://www.youtube.com/watch?v=A3dYKynYh2U

La poesia è magistralmente recitata da Nino Taranto

 

Facebook Comments