Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate: 

Scuitàto (o scujetatato)  e ‘nzuràto (verbo : ‘nzuràrse, ‘nzurà) 

Scuitàto , significa celibe, scapolo, single, uomo senza preoccupazioni.

Il termine deriva dal latino exquietatus  e forse dallo spagnolo desquidado = separato, solo; o descuitado = libero, senza preoccupazioni.

Un elogio a questo stato dell’essere è una canzone napoletana interpretata magistralmente per primo da Gennaro Pasquariello e poi da vari e famosi interpreti. Da Nino Taranto a Roberto Murolo, da Sergio Bruni a Massimo Ranieri. La canzone è: ‘o scuitato scritta da Edoardo Nicolardi con lo pseudonimo C. O. Lardini, in collaborazione con  Ernesto Murolo che usa lo pseudonimo Ruber, e musicata da Vincenzo Valente, edita da Bideri.

Tra l’altro riportiamo alcuni versi :

” E allora i’ penzaie: – Guagliò, statte attiente

Riflièttece buono – ca chisto è ‘o mumento..

Ri ira ‘a parola !

Guagliò, lassa sta!

Statte sulo, sulo, sulo,

ch”a mugliera fa crepà!

Tiene ‘e llire! Si’ figliulo…

Lassa sta!

Cu che core uno se nzora

quanne tene chisto mare !

Quanne a Napule sta ancora

Marechiare!

Marechiare!”

 

Nzurato = opposto di scuitato, ovvero sposato, deriva dal latino uxurare e sta appunto per ammogliato, sposato. Il verbo che lo definisce è ‘nzuràrse= accasarsi, sposarsi, ammogliarsi.

Il termine è usato nella poesia di Raffaele Petra, Marchese di Caccavone.

‘a cunfessione ‘e Taniello:

“  A cunfessione ‘e Taniello

Taniello, ch’ave scrupole

mo che se vo’  ‘nzurà

piglia e da fra Liborio

va pe’ se cunfessà. (segue)”

 

Facebook Comments