Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate: 

Verularo, verola 

Il “verularo”, è la padella bucherellata per arrostire castagne, da alcuno detto anche, vurularo pronunciando la u al posto della e.

La parola deriva da “verola” che in napoletano sta per “castagna arrostita, caldarrosta” e A. Altamura, lo fa derivare dal latino viria. (A. Altamura, Dizionario napoletano, pag 374- Ed. Fiorentino,Napoli)

Quindi il verularo è associato alla voce verola come riferimento all’ attrezzo  per fare le castagne arrosto, esso attrezzo è anche citato in una poesia di Raffaele Viviani: ‘A Fattura.’

– “ Rastula ‘e specchio, seccame a Gennaro:

cu ‘e ragge ‘e sole fammelo abbruscia’

Comme e castagne dint’ ‘o verularo

ll’ossa arrustenno aggia senti’ ‘e schiuppa’.

Siccalo l’uocchie quanno ‘a tene mente,

siccalo ‘o sciato quanno ‘a vò chiammà!

Abbrustuluto comm’ ‘a na semmenta

‘a capo a pede falle addeventà! “

 

In alcuni paesi della Campania il verularo in una forma più dialettale è chiamato Vrolera.

In un comune della Campania, Castiglione del Genovesi, comune composta  da 1.380 abitanti  che si  trova nella provincia di Salerno che fa parte della Comunità montana Monti Picentini, ogni novembre si svolge la Festa della “vrolera”:  Sagra con castagne e vino novello.

Facebook Comments