Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate:

Ascià’, J’ ASCIANNO 

Ascià’ (asciare): cercare, ritrovare; J’ ascianno ovvero j(re) asccianno: andare alla ricerca

Il verbo deriva dallo spagnolo Hallar, che si pronuncia ajar da cui asciar.

Questo modo di dire è davvero poco usato a Napoli, trova applicazione nella canzone “Totonno ‘e Quagliarella”, testo di Giovanni Caputto, musica di  Francesco Buongiovanni:  Quann’ è ‘a staggione, vaco ascianno sulo

na bona fritta ‘e puparuole forte…

Nu piezze pane, ‘nziem’a nu cetrulo,

e ‘o riesto, ‘o vvotto dinta capa ‘e morte! 

Canzone può essere presa ad esempio di filosofia di vita, interpretata magistralmente da Nino Taranto, Sergio Bruni e Massimo Ranieri e da altri bravi interpreti della canzone napoletana. Si rimanda alla ricerca su youtube.

Qui si riporta quella di Nino Taranto

https://www.youtube.com/watch?v=K4vhyogKJ_s

 

Facebook Comments