Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate 

Abbiento

Requie, riposo, pace, calma.

La parola deriva dal latino adventus

Truvà abbiento = trovare pace

Nun trova maje abbiento = irrequieto, vivace, in continua mobilità; è riferito ad un fanciullo o fanciulla, ma anche ad un adulto che è in continua attività anche nel lavoro o nella vita quitidiana.

Stà abbiento = essere calmo, rassenato.

In questa bella poesia di Salvatore Di Giacomo, i capelli, i capelli della sua amata, mossi dal vento, non trovano pace.   

NA TAVERNELLA..

Maggio. Na tavernella

ncopp’ ’ Antignano: ’addore

d ’a nèpeta nuvella;

o cane d’ ’o trattore

c’ abbaia : ’o fusto ’e vino

nnanz ’a porta: ’a gallina

ca strilla ’o pulicino:

e n’ aria fresca e ffina

ca vene a copp’ ’e monte,

ca se mmesca c’ ’o viento,

e a sti capille nfronte

nun fa truvà cchiù abbiento…

Stammo a na tavulella

tutte e dduie. Chiano chiano

s’ allonga sta manella

e rnm’ accarezza ’a mano…

 

 

 

Facebook Comments

Traduci

Adsense

Siti Amici

advertisement advertisement advertisement

Articoli recenti

Strade di Napoli