‘NFROMME ,  CUNFROMME

‘NFROMME , CUNFROMME

Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate:

‘NFROMME e  CUNFROMME

Sono entrambi avverbi e sono la stessa parola, ‘nfromme è la forma abbreviata ed   aferizzata (ovvero scritta con l’aferesi)  di cunfromme= appena che, non appena, nel mentre.

Questi due termini li troviamo in due poesie di due grandi napoletani;

  • Cunfromme nella poesia di Eduardo “vuò vedè

< Vuò vedè ca cunfromme me ne vaco,

tu me vuo’ bene cumme ll’ata sera,

e rieste, cumm’ ‘a me, felice e allera,

pecchè sai ca si parto, resto ccà?

Ccà resto, ‘o ssaie: sto ccà. Pure si a vita

me porta a n’ata parte…

E me fa pena tanta e tanta gente

ca quanno parte, ‘o vero se ne va.>

 

  • ‘Nfromme nella poesia “Testamento” di Nicolardi

<Quanno mor’io, chiagnìteme

nu quarto d’ora e basta.

Che m’atterrate all’ùnnice?

Salute e bbene! ‘e ddoie menàte ‘a pasta (omissis)…

…(omissis) E si accummencia a chiovere

nfromme se move ‘o carro?

Madonna chili priévete!

Ggiesù chili cumpagne c’ ‘o catarro! (omissis)…>

‘NFROMME ,  CUNFROMME

TRIOBBOLA

Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate: 

TRIOBBOLA

Questo è davvero uno dei termini meno conosciuti e quasi non più usati nella lingua napoletana. Sta ad indicare una grossa pancia, una pancia prominente.

L’etimologia è molto incerta e difficile, sembra provenire dalla parola francese théorbe che è uno strumento musicale: la   TIORBA un liuto, simile al mandolino inventato nel XVI secolo, alla cui rotondità è associata la pancia. Specie nel modo che esso strumento veniva usato dava una sensazione di una grossa pancia come si evince dalla immagine

‘NFROMME ,  CUNFROMME

Scuitàto (o scujetatato) e ‘nzuràto (verbo : ‘nzuràrse, ‘nzurà)

Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate: 

Scuitàto (o scujetatato)  e ‘nzuràto (verbo : ‘nzuràrse, ‘nzurà) 

Scuitàto , significa celibe, scapolo, single, uomo senza preoccupazioni.

Il termine deriva dal latino exquietatus  e forse dallo spagnolo desquidado = separato, solo; o descuitado = libero, senza preoccupazioni.

Un elogio a questo stato dell’essere è una canzone napoletana interpretata magistralmente per primo da Gennaro Pasquariello e poi da vari e famosi interpreti. Da Nino Taranto a Roberto Murolo, da Sergio Bruni a Massimo Ranieri. La canzone è: ‘o scuitato scritta da Edoardo Nicolardi con lo pseudonimo C. O. Lardini, in collaborazione con  Ernesto Murolo che usa lo pseudonimo Ruber, e musicata da Vincenzo Valente, edita da Bideri.

Tra l’altro riportiamo alcuni versi :

” E allora i’ penzaie: – Guagliò, statte attiente

Riflièttece buono – ca chisto è ‘o mumento..

Ri ira ‘a parola !

Guagliò, lassa sta!

Statte sulo, sulo, sulo,

ch”a mugliera fa crepà!

Tiene ‘e llire! Si’ figliulo…

Lassa sta!

Cu che core uno se nzora

quanne tene chisto mare !

Quanne a Napule sta ancora

Marechiare!

Marechiare!”

 

Nzurato = opposto di scuitato, ovvero sposato, deriva dal latino uxurare e sta appunto per ammogliato, sposato. Il verbo che lo definisce è ‘nzuràrse= accasarsi, sposarsi, ammogliarsi.

Il termine è usato nella poesia di Raffaele Petra, Marchese di Caccavone.

‘a cunfessione ‘e Taniello:

“  A cunfessione ‘e Taniello

Taniello, ch’ave scrupole

mo che se vo’  ‘nzurà

piglia e da fra Liborio

va pe’ se cunfessà. (segue)”

 

‘NFROMME ,  CUNFROMME

Verularo, verola

Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate: 

Verularo, verola 

Il “verularo”, è la padella bucherellata per arrostire castagne, da alcuno detto anche, vurularo pronunciando la u al posto della e.

La parola deriva da “verola” che in napoletano sta per “castagna arrostita, caldarrosta” e A. Altamura, lo fa derivare dal latino viria. (A. Altamura, Dizionario napoletano, pag 374- Ed. Fiorentino,Napoli)

Quindi il verularo è associato alla voce verola come riferimento all’ attrezzo  per fare le castagne arrosto, esso attrezzo è anche citato in una poesia di Raffaele Viviani: ‘A Fattura.’

– “ Rastula ‘e specchio, seccame a Gennaro:

cu ‘e ragge ‘e sole fammelo abbruscia’

Comme e castagne dint’ ‘o verularo

ll’ossa arrustenno aggia senti’ ‘e schiuppa’.

Siccalo l’uocchie quanno ‘a tene mente,

siccalo ‘o sciato quanno ‘a vò chiammà!

Abbrustuluto comm’ ‘a na semmenta

‘a capo a pede falle addeventà! “

 

In alcuni paesi della Campania il verularo in una forma più dialettale è chiamato Vrolera.

In un comune della Campania, Castiglione del Genovesi, comune composta  da 1.380 abitanti  che si  trova nella provincia di Salerno che fa parte della Comunità montana Monti Picentini, ogni novembre si svolge la Festa della “vrolera”:  Sagra con castagne e vino novello.

‘NFROMME ,  CUNFROMME

Ruagno o ruagna

Parole della lingua napoletana, quasi dimenticate:

Ruagno o ruagna

Era un oggetto in genere di terracotta chiamato appunto “ruagna”, che poteva essere una tazzina o altro, ma comunque sempre di bassissima qualità.

Alcune ricerche brancolano nel buio al riguardo della etimologia e origini della parola, penso si possa aderire all’ipotesi che fa derivare questa parola dal termine greco ruas che indica lo scorrere, in quanto in questi oggetti di terracotta si facevano scorrere i liquidi.

 L’uso di questi contenitori di terracotta più comune divenne quello di essere un vaso da notte, per cui  con il termine ruagno o ruagna si identificava un pitale o un  piccolo vaso da notte.

La espressione dispregiativa “si ‘na scarda ’e ruagno ” stava  a significare che non valevi nulla essendo un “frammento (scarda) di un pitale”

‘NFROMME ,  CUNFROMME

Pastenà, pasteno

Pastenà sta per piantare, seminare, trapiantare, deriva dal latino pastinare.

‘O pasteno invece è la piantagione dal latino pastinum

Pastenaturo è il piantatoio

Da Tammurriata Nera (Nicolardi, E A Mario) :” Addò pastìne ‘o ggrano, ‘o ggrano cresce, riesce o nun riesce, sempe è grano chello ch’esce”

Ovvero:” dove semini grano, grano cresce, riesce o non riesce , sempre grano è quello che alla fine esce”

Da Mmiezo ‘grano (Nicolardi, Nardella): “E ‘a sera, sott’ ‘o pásteno d’ ‘e mméle annurche, passa stu core sempe gióvane ca ride e ch’arrepassa (1).”

Ovvero: “ E la sera, sotto gli alberi delle mele annurca, passa questo cuore sempre giovane che ride e che inganna.” (1)

  • (1) Arrepassa, da arrepassà, ovvero burlare, prendersi gioco, inganannare.